Area Utenti

Monumenti e siti

Convento di San Francesco, Sava (TA)

DENOMINAZIONE Convento di San Francesco   SAVA (TA)

 

CRONOLOGIA XIX sec.

 

UBICAZIONEVia Roma

 

POSIZIONEG.P.S.  Latitudine N40°40’25”  Longitudine E 17°55’32”  

 

DESCRIZIONE ARCHITETTONICA STRUTTURALE : E’ certamente la struttura architettonica più complessa e suggestiva della città. La facciata come si presenta oggi misura m. 25,10 di larghezza e m. 15,20 di altezza; di stile neoclassico, realizzata interamente in tufo locale, consta di quattro lesene scanalate di stile jonico con semicapitelli a volute, due delle quali tendono a sorreggere un aggettante timpano con cornicioni modanati e dentellati. Una lunetta contenente un mosaico con l’immagine di San Francesco  sovrasta il portale d’ingresso.

Le parti laterali della vecchia facciata, iniziate tra il 1949-50, rimasero incompiute sino al 1982. I lavori di completamento della facciata terminarono nel 1968, definendo a sinistra l’ingresso al salone-teatro”B.Egidio” che collega il Calvario alla stessa; a destra, posto simmetricamente, l’ingresso all’attiguo Convento dei Frati Minori, che collega la moderna struttura dell’istituto”Cuore di Mamma” ora sede del Museo Missionario Cinese e dell’antica biblioteca S. Francesco.

L’attuale campanile fu realizzato alla fine degli anni ’80, in sostituzione del vecchio, realizzato negli anni 1937-38,  semplice e provvisorio.

  La  struttura   è a pianta longitudinale a  croce latina immissa,  con un’unica navata e un imponente complesso presbiteriale e  absidale soprelevato e loggionato, con due cappelle laterali nel transetto, a sinistra quella della “Madonna di Lourdes”, a destra quella del “Santissimo Sacramento”.

La complessa copertura consta  di due suggestive cupole, di ampi  arconi e di volte a crociera.

Il primo complesso pittorico della chiesa di San Francesco risulta essere quello della cappella del SS. sacramento, eseguito nel 1949 dal pittore Ettore Marzo.

Ma il più suggestivo affresco è quello della cupola che sovrasta la crociera del transetto, definita la cupola della “Regalità della Vergine”, del pittore napoletano Gaetano Bocchetti, che la realizzò nel 1956.

La decorazione pittorica delle vele e della prima cupola di forma emisferica, venne realizzata nel 1962 dal pittore Antonio Valzano di Trepuzzi (LE), che sviluppò il tema del “Cantico delle Creature”. Sempre nel corso degli anni ’60 il Valzano continuò la sua attività pittorica nella chiesa di San Francesco, eseguendo anche la decorazione del catino absidale.

         

 

NOTIZIE STORICHE E ARTISTICHELa devozione a S. Francesco di Assisi, introdotta in Sava sin dal XVII sec. ad opera di devoti savesi, si consolidò anche per mezzo dei Francescani che spesso erano invitati a predicare.

Nel 1880, per volere dei cittadini di Sava e del Consiglio Comunale, si costituì una commissione che ebbe il compito di finanziare e trovare fondi per la costruzione di una nuova chiesa da dedicare al Santo di Assisi. Ben presto iniziarono i lavori che furono portati a termine con grande devozione e fede nel 1882, realizzando la parte che va dalla facciata sino alla cupola piccola, costruendo tutto in tufo locale.

Nella seconda fase dei lavori, che va dal 1937 al 1972, furono costruiti il transetto, la splendida cupola grande, denominata della “Regalità della Vergine”, il complesso presbiteriale e absidale soprelevato e le due cappelle laterali nel transetto. La decorazione pittorica inizia nel 1949 e si protrae sino al 1962, realizzata in momenti diversi e da artisti di diversa scuola pittorica e provenienza.

 

Tempo medio di visita: 1 ora

Mappa