Area Utenti

I Comuni del GAL

Maruggio

Maruggio fu fondata nella seconda metà del X secolo sulle rovine di alcuni casali (Castigno, Olivaro, San Nicola). A circa trent’ anni dalla sua fondazione venne distrutta, insieme a tanti altri territori pugliesi, da Ottone I, Imperatore di Germania. Costui si risentì perché fu rifiutata la sua proposta di far sposare il figlio Ottone II con la figlia di Niceforo II Foca. Il matrimonio avrebbe dovuto migliorare i rapporti tra i due imperatori, ma così non fu. L’attuale posizione, in una vallata a 2 km dal mare, fu scelta proprio per evitare altre incursioni tra cui soprattutto quelle dei pirati musulmani, i quali altre volte avevano fatto razzia di viveri e uomini in quei territori. Il nome “Maruggio”, nella versione più credibile, deriva da “mare”, ”vicino al mare”.

Un disegno della Maruggio cinquecentesca presenta l’impianto classico delle città medievali. Vi era al centro del recinto murario la chiesa, verso la quale confluivano le strade principali,  in ossequio al principio medioevale che vedeva Dio al centro dell’universo per cui la Chiesa era considerata al centro degli interessi della comunità.

Per accedere alla città vi erano solitamente quattro porte, orientate  secondo i punti cardinali; nel caso di un “Luogo murato e fortificato con torre”, ed è questo quello di Maruggio, le porte erano solo due. Nell’impianto cinquecentesco si notano infatti la Porta Piccola e la Porta Grande.  Fu proprio nelle adiacenze di questa ultima che venne eretto il Palazzo Baronale a difesa del quale esisteva un  Rivellino,  forse la fortificazione militare più antica di questo centro abitato.

Dal 1317 al 1819 la storia di Maruggio è caratterizzata dalla presenza dei Cavalieri di Malta.

Poco distante da Maruggio sorge Campomarino, degno di nota per la presenza di un porto, la più grande struttura da diporto che si trova sulla costa jonico-salentina. Si divide tra il porto peschereccio e il porto turistico. Il centro di Campomarino si caratterizza per la presenza di una bella torre d’avvistamento del XIV secolo, detta Torre delle Moline.

Informative