Area Utenti

I Comuni del GAL

Lizzano

Riguardo all’origine del nome, si pensa che esso derivi dalla parola dialettale Lezza, in lingua italiana leccio, specie di quercia tipica del meridione. A sostegno di questa tesi vi è lo stemma di Lizzano, rappresentato da un albero di leccio spezzato e legato, con la scritta in latino “FRACTA ET LIGATA REFLORET”, sormontato da una corona ducale. Secondo una tradizione, invece, Lizzano sarebbe sorto come paese nel secolo XI per volere di Albira, figlia di Tancredi, conte normanno. La presenza di alcuni coloni e di molteplici insediamenti monastici nel territorio fanno pensare però che Lizzano abbia avuto i natali tra il IX e X sec. Gli insediamenti che testimoniano la citata presenza sono ancora visibili nella lama alla periferia della città. La chiesetta dell’Annunziata, con la cripta ipogea, risalente al periodo longobardo e  la cripta Basiliana situata in contrada Serra degli Angeli, su una collina denominata monte S. Angelo, è  stata frequentata per motivi di culto anche in epoche storiche successive.

Informative